FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3941137
Home » Enti » ISTAT » Notizie » Uffici territoriali dell'Istat: è tempo di chiarezza

Uffici territoriali dell'Istat: è tempo di chiarezza

Dall'assemblea organizzata dalla FLC CGIL emergono criticità e proposte

11/07/2017
Decrease text size Increase  text size

Lunedì 10 luglio si è svolta un’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori degli uffici territoriali dell’Istat in videoconferenza.

Partendo dai contenuti della nota inviata dalla FLC CGIL al presidente Alleva lo scorso 15 giugno, sono stati evidenziati gli aspetti di maggiore criticità e le possibilità di rilancio del ruolo e delle funzioni degli uffici territoriali dell’Istat.

Negli scorsi mesi, dopo la nomina di Valerio Fiorespino a capo del DIRM, alcuni passaggi sono stati compiuti: come la scelta di istituire la figura del responsabile di sede, ancora da chiarire negli aspetti concreti, e le riunioni che si sono svolte sul territorio con il direttore del dipartimento e con il presidente.

In questi incontri dai vertici dell’Istat è emersa un’apertura, nonostante il contesto di partenza non fosse favorevole. Ricordiamo che la nomina di Alleva si colloca infatti a ridosso della presentazione della “riforma della Pubblica Amministrazione” da parte dell’allora presidente del consiglio Renzi, che elencò tra gli uffici da “razionalizzare” anche quelli regionali dell’Istituto Nazionale di Statistica.

Il presidente negli incontri con il personale ha affermato di essere consapevole del ruolo essenziale e insostituibile delle sedi territoriali dell’Istat, al contempo riaffermando che si sta ragionando sulla possibile internalizzazione della rete di rilevazione, sulla cui ipotesi però non si ha nessuna notizia sullo stato di riflessione e avanzamento da parte del Consiglio d’Istituto.

Dagli interventi in assemblea sono emerse alcune priorità.

E’ necessario un ragionamento sulla funzionalità degli accorpamenti (in alcuni casi si sono rivelati di fatto vere e proprie “annessioni”) operati in questi anni. La presenza differenziata fra gli uffici dei dirigenti ha accresciuto la disparità fra i dipendenti, ampliato la scarsa trasparenza e diminuito ulteriormente la circolazione delle informazioni.

Il ruolo dei lavoratori degli uffici territoriali non può e non deve esaurirsi nella “raccolta dati” per i censimenti permanenti e nel pedissequo rispetto di decisioni prese a livello centrale.

Vanno esplicitati criteri trasparenti nell’assegnazioni dei fondi e va garantita la pari opportunità nella formazione per chi lavora sul territorio.

Sono poi state segnalate altre criticità più generali, che riguardano l’attuazione del progetto di modernizzazione, e che vengono particolarmente sentite nelle sedi territoriali: il rischio di eccessiva “procedurizzazione” e gerarchizzazione, causati dalla standardizzazione di ogni processo, al punto da ingessare e rendere estremamente pesanti, lunghe e complesse anche le normali attività di lavoro quotidiano; il mancato riconoscimento dell’autonomia e del ruolo degli uffici territoriali (così come dei loro lavoratori) come attori fondamentali per la funzione statistica ufficiale sul territorio.

La soppressione della direzione degli uffici regionali, ad oggi ancora nemmeno sostituita dall’“ufficio di coordinamento” previsto dal progetto di modernizzazione, ha reso in questo primo anno di modernizzazione più difficile l’organizzazione degli uffici, anche nella quotidianità. 

I prossimi passaggi, dalla scrittura dello Statuto alla riforma del Sistan, dovranno contenere le risposte agli aspetti critici sottolineati più volte nei comunicati e nelle note prodotte dalla FLC CGIL su questo tema, nonché a quanto sollevato durante l’assemblea di ieri.

In mancanza di altri momenti ufficiali specifici, più volte richiesti, già dall’incontro del 26 luglio con il presidente ci aspettiamo quindi i primi riscontri sul ruolo degli uffici territoriali, che riteniamo di primaria importanza per una piena funzionalità dell’Istituto e per i rapporti con gli enti del Sistan.

Altre notizie da:

I nostri rappresentanti

Ora e sempre esperienza!
Elezioni RSU 2018: candidati con noi

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

Altre notizie da flcgil.it

Seguici su twitter