FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3924083
Home » Enti » ISTAT » Notizie » ISTAT: la nostra riorganizzazione

ISTAT: la nostra riorganizzazione

Prorogati di 6 mesi i dirigenti, non è mai iniziato un confronto con le organizzazioni sindacali

20/06/2015
Decrease text size Increase  text size

Il progetto di modernizzazione dell’Istat, presentato al personale sulla Intranet dell’Istituto il 5 dicembre 2014, è in tutta evidenza in grande difficoltà.

Ricordiamo che annunciava una trasformazione radicale del ciclo di produzione, dell’organizzazione del lavoro e della gestione delle risorse umane e finanziarie dell’Istituto, generando aspettative e interrogativi tra tutto il personale e grandi preoccupazioni nell'alta dirigenza, cui veniva consegnata una promessa di taglio sostanzioso. Si annunciava l’avvento di una “visione differente del processo di produzione statistica”.

Ad oggi ciò che è certo è un rinvio di 6 mesi, a causa della mancata nomina dei membri del consiglio di scelta governativa, che ha come conseguenza una grande incertezza nel personale, che non ha idea di quale sarà il proprio futuro lavorativo e da oggi ha anche dubbi sulla propria sede di lavoro.

La perdurante assenza in seno al Consiglio dei Ministri della nomina dei componenti mancanti del Consiglio Istat deve essere letta insieme alle varie dichiarazioni pubbliche di esponenti del governo e della sua maggioranza parlamentare contro l'attendibilità dei dati Istat e in particolare alla polemica degli ultimi mesi intorno ai dati sull'occupazione. A nostro avviso è evidente che il progetto di riorganizzazione dell'Istat è in difficoltà perché siamo di fronte ad una statistica pubblica che compie il proprio dovere di informazione nei confronti dei cittadini e per questo viene mal digerita e vista in una certa misura come un fastidio dalla politica.

In questa situazione difficile verso l'esterno e forse non facile neanche verso l'interno, ci si sarebbe aspettati che il presidente mettesse al centro della propria agenda e delle proprie "alleanze", l'unica leva per realizzare una riorganizzazione della natura annunciata, cioè i lavoratori dell'istituto. Ciò cui siamo di fronte è invece un presidente che sembra avere preso la strada delle politiche antisindacali, con l'apertura di una guerra alle organizzazioni rappresentative dei lavoratori.

A questo proposito non è un caso l'incredibile circostanza per cui le organizzazioni sindacali non hanno avuto finora il minimo coinvolgimento. Eppure la Flc Cgil su questo tema aveva scritto e chiesto un incontro al prof. Alleva fin dal suo insediamento. Una delle conseguenze di questa scelta è l'acuirsi dell'assurdo iato tra l'impatto (annunciato) che avrà sul protagonista del riordino, il personale, e la totale assenza di confronto e informazione verso la stragrande maggioranza dei lavoratori. Anche da un punto di vista tecnico, il processo di costruzione del disegno riorganizzativo benché concepito in forma partecipata con  appuntamenti seminariali e una procedura di ascolto di esperti interni, non ha avuto momenti di feedback verso i "partecipanti" e di reale coinvolgimento nelle sintesi decisionali.

Sembra davvero una inconciliabile contraddizione il fatto che ogni giorno al personale sono offerte occasioni di demotivazione, a cominciare dalla vertenza sul personale IV-VIII, alla cui crescente mobilitazione sono fornite risposte evasive e azioni intimidatorie; per continuare con una politica delle sedi  gestita finora secondo la logica dell’emergenza (da ultimo con il trasferimento dei lavoratori di Piazza Indipendenza); o ancora con la gestione a dir poco offensiva di altre questioni della quotidianità come ad esempio la liquidazione delle pratiche di missione, che perdura incurante delle richieste di trasparenza che provengono dai lavoratori. Quando si tratta di andare incontro alle esigenze dei lavoratori, come nel caso del telelavoro o dei rimborsi dell’assistenziale, l’amministrazione continua a mostrarsi sorda e elefantiaca nei processi decisionali.

Sia chiaro che non sarà sufficiente ripetere a se stessi che va tutto bene, questa riorganizzazione è destinata a fallire se non rappresenterà innanzitutto uno strumento utile per risolvere problemi aperti come lo sviluppo professionale e di carriera del personale, la stabilizzazione dei precari, la mobilità del personale, la razionalizzazione della dirigenza tecnica e il freno all'invasione di quella amministrativa, il ruolo degli uffici territoriali, la re-internalizzazione di processi cruciali per la qualità delle statistiche. Lo avevamo scritto nel primo documento senza risposta, inviato all'insediamento del prof. Alleva.  Serve rimettere al centro delle condizioni materiali prima che della cultura il ruolo dei ricercatori rispetto al processo di produzione del dato e la loro autonomia e per questa via restituire libertà e responsabilità a tutto il personale dell'Istituto. Il rigurgito di autoritarismo verso il personale e di rinnovato gregarismo nella dirigenza apparsi con l'arrivo del nuovo Direttore generale non sembrano affatto andare in questa direzione. Ancor meno il recinto strettissimo dentro il quale il presidente ha deciso di posizionarsi per governare l'Istituto. Come scritto in varie occasioni per noi è prioritario un processo che davvero rivoluzioni l’organizzazione interna dell’ente e la sua mentalità.

  • Meno dirigenti: siamo davvero convinti che un Istituto con una gerarchia più snella e un’organizzazione orizzontale del lavoro possa funzionare meglio: il riordino del 2010 è fallito, servono meno livelli dirigenziali e una dirigenza amministrativa che non abbia l'esclusività sulle funzioni di responsabilità della direzione generale e che finché stazionerà all'Istat sia parte dell’Istituto e non un “corpo estraneo” pronto a boicottare qualsiasi provvedimento a favore del personale.
  • Maggiore democrazia e tutela del ruolo dei ricercatori e tecnologi: la costituzione della consulta elettiva di ricercatori e tecnologi  prevista dal contratto nazionale della ricerca è un primo benché non sufficiente passo.
  • Più fondi per il trattamento economico dei dipendenti, applicando l’articolo 4 comma 3 (dipendenti IV-VIII) e l’articolo 9 comma 3 (dipendenti I-III) del CCNL 2000-2001, che consentono un incremento dei fondi in relazione a processi di riordino, nuovi servizi o riorganizzazione.
  • Rafforzamento del ruolo dell’Istat all’interno del Sistan, e del ruolo dell'Istat per il territorio con il rilancio di un progetto ambizioso sulla rete degli uffici territoriali.
  • Un piano di fabbisogno 2015-2017 improntato alla stabilizzazione dei precari e alle progressioni economiche e di carriera dei dipendenti, in particolare di livello IV-VIII.
  • Meno burocrazia: informatizzazione delle procedure amministrative (permessi, assenze, missioni).
  • Flessibilità dell’orario di lavoro, dare libertà e fiducia smontando l'impianto iper burocatico orientato al controllo dell'attuale orario di lavoro, eliminando ad esempio la fascia di presenza obbligatoria per i livelli IV-VIII, permettendo i congedi parentali a ore e regolando il part time attraverso un accordo sindacale che lo svincoli da orari di lavoro rigidi. Va inoltre rivisto il telelavoro, con il fine di estenderlo significativamente a un maggior numero di lavoratori e di rendere le procedure finalmente trasparenti e oggettive, anche in relazione alla razionalizzazione delle sedi.
  • Trasparenza negli atti amministrativi e nelle scelte dei dirigenti a tutti i livelli, riconoscimento di tutti i ruoli di responsabilità, compresi i capi di unità operativa, attraverso l’applicazione dell’articolo 22 del DPR 171/1991.
  • Garantire il diritto alla mobilità, ripristinando la domanda di mobilità per motivi di lavoro e prevedendo call periodiche aperte a tutto il personale (anche a tempo determinato).
  • Gestione delle sedi di lavoro (siano esse “uniche” o “multiple”) improntata al benessere dei lavoratori, a un impatto minimo sulla mobilità intraurbana e quindi alla vicinanza ai mezzi pubblici. L’incontro del 26 giugno sulle sedi deve rappresentare un primo punto di coinvolgimento su questo tema, e la riallocazione eventuale deve essere concordata con il personale e contestuale alla riorganizzazione delle strutture.  Sul piano inviato dall’amministrazione invieremo nei prossimi giorni un’analisi dettagliata.
  • Internalizzazione di funzioni cruciali per la qualità delle statistiche come la rilevazione delle informazioni, oggi gestita attraverso la frammentazione di numerosi appalti esterni senza che gli effetti sulla qualità delle statistiche siano mai stati effettivamente verificati.

Su tutti questi punti e altri ancora è necessario coinvolgere realmente i lavoratori in un processo di ascolto che appare ad oggi del tutto assente.

Altre notizie da:

I nostri rappresentanti

Ora e sempre esperienza!

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

Altre notizie da flcgil.it

Seguici su twitter