FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3921543
Home » Enti » ISTAT » Notizie » ISTAT: salari e carriere, incontro e assemblea mercoledì 25 marzo

ISTAT: salari e carriere, incontro e assemblea mercoledì 25 marzo

Continua la mobilitazione dei lavoratori

24/03/2015
Decrease text size Increase  text size

L’assemblea di lunedì 23 marzo a via Balbo è stata molto partecipata, come quella della settimana precedente. Si è continuato a discutere di questioni tecniche e politiche, a partire dalle tabelle e allegati inviati dall’amministrazione.

La documentazione mandata dall’Istat venerdì sera alle organizzazioni sindacali è innanzitutto incompleta: mancano ad esempio i dati sulla costituzione del fondo 2014 e 2015, mentre alcuni aspetti sono ambigui. Perché – ad esempio - c’è la relazione dell’Istituto sull’accordo 2011 che poi è stato rimandato indietro dagli organi vigilanti e non è stata inviata quella sulla versione successiva dell’accordo?.

Le tabelle inviate dall’amministrazione evidenziano poi il principale punto politico della vertenza: l’insufficienza delle risorse. Ad oggi infatti l’unico aumento del fondo dal 2014 al 2015 è derivato dal risparmio RIA (negli anni scorsi sopravanzato dai tagli), pari a poco più di 40mila euro. Con questo solo incremento appare difficile arrivare persino ai 450mila euro indicati dal direttore generale Antonucci nella riunione del 16 marzo scorso per le progressioni economiche e di livello. Una cifra che non soddisfa minimamente in ogni caso le necessità del personale IV-VIII dell’Istituto.

E’ quindi necessario che l’Istat faccia tutto quello che è in suo potere per incrementare le risorse a partire dal 2015. Gli strumenti indicati dalla FLC CGIL e dai lavoratori sono tanti. In primis segnaliamo il meccanismo contrattuale (art. 4 comma 3 del CCNL 1998/2001 secondo biennio economico) legato a processi di riorganizzazione, che consentirebbe all’Istat di spostare risorse di bilancio per il trattamento accessorio. Il 2015 – anno della grande riorganizzazione dell’Istat voluta dal presidente Alleva – deve diventare anche l’anno in cui si ridistribuisce verso il basso, al contrario di quanto avvenuto con il precedente riordino targato Giovannini. E’ inoltre il momento che l’amministrazione informi i sindacati sul “piano triennale di razionalizzazione” delle spese che dovrebbe essere pronto entro il 31 marzo e di cui non è chiaro lo stato di lavorazione né le risorse disponibili.

L’assemblea di lunedì nel pomeriggio si è spostata nei corridoi del secondo piano, davanti alla stanza dove si svolgeva il Comitato di presidenza e una delegazione di lavoratori ha portato le istanze dell’assemblea al presidente e ai direttori presenti.

Il prossimo appuntamento è per mercoledì 25 mattina a via Balbo, dove dalle 10 si svolgerà l’incontro di trattativa e dove è stata indetta assemblea. L’appuntamento è dalle 9.30 alla stanza 012 (cortile). E’ possibile usare il codice assemblea (350).

Dall’incontro ci aspettiamo che si chiudano le partite più “facili” (articolo 42, anticipo produttività 2014), ci sia una soluzione chiara sul passato che consenta di distribuire in tempi brevi tutte le economie (dai documenti dell’amministrazione risultano ancora 1 milione  e 600mila euro di residui non erogati ai lavoratori per il triennio 2011-2013) e che si risponda su come si intende incrementare il fondo del 2015

Altre notizie da:

I nostri rappresentanti

Elezioni RSU 2018: candidati con noi!
Elezioni RSU 2018: candidati con noi

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

Altre notizie da flcgil.it

Seguici su twitter