FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3946819
Home » Enti » ISTAT » Notizie » RSU ISTAT 2018: Silvestro Cocchia, candidato a Torino

RSU ISTAT 2018: Silvestro Cocchia, candidato a Torino

Continuiamo a conoscere i candidati della FLC CGIL alle elezioni del 17-18-19 aprile

05/04/2018
Decrease text size Increase  text size

cocchia-2

Silvestro Cocchia lavora come IV Cter ed è entrato all'Istat nel 1985.

Da sempre RSU e RLS dell'ufficio territoriale di Torino, attualmente anche componente del Comitato di ente della Flc Cgil dell'Istat.

Perché ti sei candidato anche questa volta?

Credo nella forza dell'unità dei lavoratori ma anche nell'unità sindacale e la RSU è proprio questo. Mi ricandido per continuare a portare avanti questi valori nell'interesse dei lavoratori con una attenzione particolare agli aspetti legati alla salute e sicurezza.

Quali sono le priorità dei prossimi mesi e anni di attività sindacale?

Uno dei primi obiettivi da perseguire e raggiungere è quello di dotare i datori di lavoro territoriali di un budget specifico (e congruo) per gli aspetti legati alla sicurezza di modo che questo non continui ad essere un alibi per la loro inerzia.

Ma, in generale, per poter migliorare le condizioni di lavoro e lo sviluppo professionale e quindi mantenere elevata la qualità, l'efficienza e l'efficacia dell'attività dell'Ufficio ci sarebbe bisogno di adottare comportamenti trasparenti e orientati alla prevenzione dei conflitti.

Se invece ci troviamo alle prese con una organizzazione del lavoro del tutto inefficace, sempre più verticistica e gerarchizzata con una peggiorata circolazione delle informazioni e della consapevolezza del processo lavorativo, se si lamenta la mancanza di valorizzazione di competenze e abilità, di entusiasmo al ciclo lavorativo di una carenza di contributo al processo decisionale allora è forte il rischio di stress da lavoro se non addirittura di mobbing (o bossing), quindi di emarginazione, di  assegnazione di compiti dequalificanti che tendono ad escludere colleghi "scomodi" Questi rischi, se non saranno tempestivamente individuati e riconosciuti come tali e quindi prevenuti e contrastati adeguatamente, provocheranno sicuramente danni e conseguenze pesanti alla dignità e alla salute fisica e mentale delle persone coinvolte, danni economici e d'immagine all'Ufficio che li tollera, costi umani, sociali ed economici anche fuori dal posto di lavoro. 

Altre notizie da:

I nostri rappresentanti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

Altre notizie da flcgil.it

Seguici su twitter