FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3905389
Home » Enti » ISTAT » Notizie » Precari e sviluppo professionale: il decreto D'Alia all'Istat crea solo ulteriori complicazioni

Precari e sviluppo professionale: il decreto D'Alia all'Istat crea solo ulteriori complicazioni

L’unica strada è la mobilitazione

23/09/2013
Decrease text size Increase  text size
Vai agli allegati

Dal 30 settembre al 4 ottobre è mobilitazione all'Istat.

La stabilizzazione non può aspettare!

Il video realizzato dal Coordinamento Precari

Il perdurare del blocco del turnover e l’impossibilità di utilizzare specifici istituti contrattuali resi inapplicabili dalla riforma Brunetta hanno determinato una situazione drammatica, come illustrato nell’assemblea FLC CGIL del 3 settembre scorso. 

I concorsi al II e III livello banditi nel 2011, che avevano lo scopo di tutelare il personale formato all’interno dell’Istat (precari e sottoinquadrati), dopo l'ulteriore limitazione ai fondi a disposizione prevista dalla spending review del 2012, sono stati rinviati e divenuti di scarso significato. La FLC CGIL ha quindi chiesto che le esigue risorse disponibili si concentrassero sui canali di accesso destinati al personale a termine (cfr. le osservazioni FLC CGIL al piano di fabbisogno: 2012 e 2013).

Il Decreto D’Alia, non mutando di una virgola il quadro finanziario, ha inserito una serie di norme che all’Istat non solo non permettono l’ingresso in ruolo dei precari, ma rendono dubbia e problematica la possibilità di muoversi nella giungla di graduatorie esistenti e concorsi banditi ma non ancora espletati.

L’unica strada per uscire dalla miseria descritta è una mobilitazione forte, su ogni fronte, che rivendichi risorse e provvedimenti adeguati che restituiscano stabilità, salari e dignità ad un intero comparto.

Congiuntamente allo sblocco del turnover è necessario il ritorno alla piena applicabilità, dunque con fondi di bilancio, di tutte le norme previste dal CCNL, ora bloccate, per tornare a valorizzare la professionalità del personale: articolo 54 e articolo 15 in primis.

In questa situazione la FLC CGIL appoggia e sostiene lo sciopero dell’Istat contro la precarietà chiesto dai precari dell’Istituto e invita tutto il personale a partecipare attivamente a questa mobilitazione che si concentrerà in particolare nella settimana tra il 30 settembre e il 4 ottobre prossimi. Mercoledì 2 ottobre si svolgerà la manifestazione nazionale dei precari della ricerca, per la quale auspichiamo la massima partecipazione.

Altre notizie da:

I nostri rappresentanti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

Altre notizie da flcgil.it

Seguici su twitter