FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3819233
Home » Enti » ISTAT » Notizie » ISTAT: comunicato sull'incontro a Palazzo Vidoni e odg approvati dall'assemblea dell'8/2

ISTAT: comunicato sull'incontro a Palazzo Vidoni e odg approvati dall'assemblea dell'8/2

ISTAT: comunicato sull'incontro a Palazzo Vidoni e odg approvati dall'assemblea dell'8/2

09/02/2005
Decrease text size Increase  text size

LA LOTTA PAGA, MA…

Oggi, nel corso dell'incontro avuto a Palazzo Vidoni, la delegazione pubblica ha comunicato che il bilancio dell'Istat e' stato aumentato di 28 milioni di euro. Sono state riassegnate con un provvedimento ad hoc le risorse necessarie all'Ente e tagliate dalla finanziaria 2005.

La lotta dei lavoratori intrapresa nel mese di dicembre, caratterizzata da una forte mobilitazione, ha raggiunto un primo parziale obiettivo, mentre c'e' ancora da lavorare sul fronte del precariato, delle deroghe per le assunzioni e per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro.

Nel corso dell'assemblea di domani, martedi' 8 febbraio, riferiremo sull'incontro avuto a Palazzo Vidoni, nonché di quello avuto con il direttore generale.

Appuntamento a tutti nell’aula magna di Via Balbo (ore 10).

- FLC CGIL ISTAT
- UIL PA UR ISTAT

Roma, 7/2/2005

__________________________________________________

Ordini del giorno approvati dall'assemblea dell'8 febbraio 2005

L'assemblea dei lavoratori dell'Istat, convocata da CGIL e UIL per discutere i risultati dell'incontro con il Ministero della Funzione Pubblica del 7 febbraio a Palazzo Vidoni e dell'incontro con il Direttore Generale, prende atto delle novità intervenute, in materia di finanziamento (28 milioni d’euro per integrare il bilancio dell'Ente tagliato dalla finanziaria 2005), degli sviluppi sul rinnovo del Contratto Collettivo nazionale di lavoro e sulla possibilità di un provvedimento stralcio alle assunzioni in deroga che dovrebbe portare all'assunzione dei vincitori di concorso le cui graduatorie sono state pubblicate nel 2004.

L'assemblea ritiene che gli intenti suddetti siano ancora parziali e non soddisfacenti per i seguenti motivi:

1. Finanziamento: l'integrazione di 28 milioni, pur risolvendo i problemi per l'anno 2005, ancora una volta non consente di programmare le attività dell'Istat, vista la natura straordinaria dell'intervento.

2. Contratto collettivo: si prende atto dell'accelerazione che si è inteso dare all'iter per l'apertura del tavolo di contrattazione, rammentando però che interviene a più di tre anni dalla scadenza naturale del contratto stesso e che la trattativa è tutta da fare. L'assemblea ribadisce la necessità di avviare immediatamente le trattative e di chiudere in tempi brevi la tornata contrattuale relativa al quadriennio normativo e primo biennio economico.

3. Assunzioni: l'impegno di assumere i vincitori dei concorsi espletati nel 2004 deve ancora concretizzarsi, tuttavia non risponde alla richiesta dei lavoratori di assumere tutti i vincitori dei concorsi banditi e comunque di prevedere lo sblocco delle assunzioni per l'Istat e per gli altri E. P.R., come già avvenuto per l'Università.

L'assemblea ritiene quindi di mantenere lo stato d’agitazione del personale al fine di non abbassare il livello d’attenzione sui temi suddetti e impegna le OO.SS. a proseguire il confronto all'interno dell'Ente con il Presidente dell'Istat, anche attraverso il regolamento del personale che può essere uno strumento per affrontare il problema del precariato, e all'esterno dell'Istat attraverso il confronto con il Governo (Funzione Pubblica, con la quale è stato già fissato un nuovo incontro per il 7 marzo 2005), per consentire l'assunzione di tutti i vincitori dei concorsi 2005 e per ottenere (ad esempio con il decreto sulla competitività) lo sblocco delle assunzioni.

L'assemblea ribadisce l'obiettivo di portare a soluzione tutto il problema del precariato all'Istat, anche attraverso nuove norme contrattuali che saranno oggetto di trattativa in fase di rinnovo contrattuale per il comparto Ricerca.

L'assemblea chiede infine la riapertura immediata della contrattazione integrativa d’ente, anche alla luce dell'impegno assunto dal D.G., per risolvere i problemi ancora aperti, quali l'applicazione dell'art. 37, passaggi di livello per il 2005, orario di lavoro e buoni pasto.

O.d.G. approvato all'unanimità

- FLC CGIL ISTAT

- UIL PA UR ISTAT

O.d.G. sulla rete di rilevazione delle Forze di Lavoro

L'assemblea dei lavoratori dell'Istat, convocata da CGIL e UIL, in merito alla ventilata ipotesi di costituzione di una società "mista" e/o "pubblica" per la gestione d’attività non temporanee, connesse alla rilevazione dell'indagine continua sulle forze di lavoro, ora affidata a circa 300 co.co.co., rappresenta la propria contrarietà a tale ipotesi.

L'assemblea ritiene che questo tipo di scelta possa produrre sostanzialmente solo costi di gestione aggiuntivi, che non migliorano il servizio e non migliorano le retribuzioni dei lavoratori. Tale orientamento rischia di essere un espediente per non affrontare e risolvere il problema dei co.co.co.

L'assemblea chiede al Presidente di farsi promotore presso il comitato di settore di soluzioni che, nell'ambito del contratto collettivo nazionale di lavoro, garantiscano la specificità del rilevatore statistico, attraverso forme di lavoro che, pur rientrando fra quelle flessibili, riconoscano maggiori diritti e certezze a questi lavoratori.

O.d.G. approvato all'unanimità

- FLC CGIL ISTAT

- UIL PA UR ISTAT

Altre notizie da:

I nostri rappresentanti

Elezioni RSU 2018: candidati con noi!
Elezioni RSU 2018: candidati con noi

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

Altre notizie da flcgil.it

Seguici su twitter