FLC CGIL
Testo CCNL Istruzione e Ricerca

http://www.flcgil.it/@3934115
Home » Enti » ISTAT » Notizie » Fondo del salario accessorio: risultato significativo dal tavolo

Fondo del salario accessorio: risultato significativo dal tavolo

Sì dei ministeri vigilanti al recupero delle risorse storiche per i passaggi di livello

08/08/2016
Decrease text size Increase  text size

Dopo l'incontro del 1° agosto, venerdì 5 si è svolto un ulteriore confronto con l'amministrazione ISTAT, a valle di un nuovo incontro tra ISTAT, MEF, ARAN e Funzione Pubblica.

Sembra essersi finalmente sbloccata l'altra significativa partita relativa alle risorse del salario accessorio e della contrattazione integrativa, aperta proprio da una proposta della FLC CGIL all'ISTAT nel marzo dell'anno scorso. Le numerose note prodotte, dalla FLC CGIL e poi unitariamente a partire da novembre, insieme alla mobilitazione hanno portato evidentemente gli organi vigilanti a capire che senza quello sblocco si sarebbe creato un problema generale per i passaggi di livello negli enti di ricerca, per il presente e anche per il futuro.

Non sono ancora chiare le modalità applicative, ma di certo si tratta di un passo significativo. La FLC CGIL ha dato il suo contributo tecnico fino all'ultimo, anche in questi giorni, affinché si arrivasse a un risultato utile. Continueremo a farlo nelle prossime settimane su altre questioni "calde", a partire dalla stabilizzazione dei precari e dalla necessità che le risorse aggiuntive per la modernizzazione siano "fisse e ricorrenti".

Il prossimo appuntamento è per lunedì 5 settembre per una nuova assemblea a via Balbo. Di seguito il comunicato unitario.


Fondo del salario accessorio: risultato significativo dal tavolo

Nell’incontro di trattativa di venerdì 5 agosto 2016 il direttore generale Antonucci ha relazionato sul secondo e ultimo incontro tra MEF, FP, ARAN e ISTAT che si è svolto il giorno prima.

E’ stata finalmente accettata la proposta delle organizzazioni sindacali: la costituzione di un fondo specifico per i passaggi di livello (articolo 54), ottenuto recuperando le risorse storiche già stanziate a tale scopo dagli enti e liberate dalle cessazioni dal 2009 al 2015.

Per l’Istat ciò significa avere a disposizione, secondo le modalità comunicate dal direttore generale, 512mila euro oltre le risorse del fondo del salario accessorio, destinati ai passaggi di livello e incrementabili con le future cessazioni nei prossimi anni.

E’ un risultato importante e utile, anche se ad oggi vanno approfonditi alcuni aspetti delle modalità applicative. Solo a inizio settembre dovrebbe essere prodotto il verbale delle riunioni in cui sarà possibile leggere nero su bianco quanto concordato tra l’Istat e gli organi vigilanti.

Di fatto dagli incontri con gli organi vigilanti è emerso che le due strade proposte dalle organizzazioni sindacali da oltre un anno e mezzo sono percorribili, seppure con modalità non del tutto definite e in modo non pieno: le risorse aggiuntive in base alla riorganizzazione sarebbero "variabili" e le risorse “storiche” dell'articolo 54 sarebbero comunque parzialmente tagliate.

Nel corso della riunione l’amministrazione non ha prodotto una nuova bozza di accordo per il 2015 e il 2016. E’ in ogni caso necessario che l’Istat faccia certificare al più presto i fondi 2015 e 2016.

Utilizzeremo le prossime settimane di agosto per cercare di trovare una proposta che sia compatibile con le novità emerse in questi giorni e che garantisca almeno quanto già concordato in merito ai passaggi di livello, alle progressioni economiche e agli incrementi dell’indennità di ente mensile dei lavoratori di livello IV-VIII e agli incrementi dell’indennità per oneri specifici dei livelli I-III fino al raggiungimento di quella ex-Isae. E’ stato sollecitato un approfondimento sulla mobilità tra profili (articolo 52), su cui l’amministrazione non ha risposto. Sull’articolo 42 l’amministrazione ha sostenuto che la valutazione è ferma al livello comunicato a luglio, ma che la commissione avrebbe predisposto una “procedura informatizzata” che dovrebbe accelerare i tempi: la previsione è di altri due-tre mesi almeno per la conclusione. E’ stato chiesto di lavorare sul conto terzi per superare le obiezioni dei revisori e di presentare una proposta di accordo anche sui lavoratori di livello I-III e una proposta di accordo sulle anticipazioni di fascia (costituzione del fondo e sua attuazione).

Per quanto riguarda l’accordo relativo al 2014 per i lavoratori di livello IV-VIII il direttore generale si è detto fiducioso sulla certificazione a settembre da parte dei revisori dei Conti.  Come accennato nei precedenti comunicati, il problema è il sistema di valutazione che i revisori vorrebbero più aderente al dettato della normativa “Brunetta” ma che nei fatti è impossibile da applicare agli anni già passati. Ribadiamo la netta contrarietà a qualsiasi tentativo di applicazione della “performance individuale” in questo Istituto.

Il direttore generale ha inoltre riferito che sta proseguendo il confronto con il MEF in merito alla norma per la stabilizzazione dei precari dell’Istat, ma che solo a settembre potrà riferire in merito.

Auspichiamo che l’amministrazione tenga conto, inoltre, delle diverse idoneità accertate nelle procedure concorsuali espletate e presenti una proposta concreta e di fattibilità nel piano di fabbisogno 2016-2018  già alla ripresa della contrattazione di settembre.

 

Lunedì 5 settembre si terrà un’assemblea di tutto il personale a via Balbo, in collegamento con le sedi territoriali, per aggiornare i lavoratori sullo sviluppo della trattativa sul salario accessorio e chiudere così il ciclo di assemblee che si sono svolte a luglio nelle sedi romane.

FLC CGIL – FIR CISL – UIL RUA - ANPRI

Altre notizie da:

I nostri rappresentanti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

Altre notizie da flcgil.it

Seguici su twitter