FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3944393
Home » Enti » ISTAT » Notizie » Assunzioni all'ISTAT: aggiornamenti su scorrimenti e stabilizzazioni

Assunzioni all'ISTAT: aggiornamenti su scorrimenti e stabilizzazioni

Resoconto del tavolo del 29 novembre 2017

30/11/2017
Decrease text size Increase  text size

Si è svolto all'Istat mercoledì 29 novembre nel tardo pomeriggio un incontro sulle assunzioni, richiesto dalle organizzazioni sindacali.

Il direttore generale ha confermato l’impegno dell’amministrazione a completare tutte le tre fasi che compongono il piano di fabbisogno approvato e il suo aggiornamento, ovvero lo scorrimento delle graduatorie concorsuali, la stabilizzazione dei precari e i nuovi concorsi. E’ stato ribadito che si tratta di un impegno di tutto l’Istituto, a cominciare dal presidente Alleva.

L’Istat non ha però ancora ricevuto la risposta che aspettava dalla Funzione Pubblica sul costo medio. Questo ha fatto slittare le date di assunzione previste e comunicate nell’incontro di due settimane fa.

Se non arriverà prima un riscontro sul costo medio, l’Istat si assumerà la responsabilità di procedere comunque con le assunzioni, previo un parere positivo del Consiglio, che si riunirà il prossimo 7 dicembre. Solo in seguito a questo passaggio saranno predisposte le delibere, che specificheranno le date di assunzione (prima per gli idonei, forse intorno al 20 dicembre, poi per i precari il 31 dicembre 2017). Dopo la verifica delle effettive “rinunce”, potrà cominciare anche il ragionamento sugli ulteriori possibili scorrimenti dalle graduatorie del 2004, sui quali continuiamo a chiedere un confronto immediatamente successivo.

Abbiamo sottolineato come la circolare di Funzione Pubblica uscita pochi giorni fa sull’applicazione del Dlgs. 75/2017 può aiutare l’amministrazione a superare alcune resistenze. Inoltre abbiamo chiesto di verificare l’eventuale presenza, come a noi risulta, di precari con contratti co.co.co. che hanno i requisiti del comma 2 dell’articolo 20 del Decreto Madia. Allo stesso tempo è necessario dare una risposta agli idonei delle ultime procedure ex art. 15, rimasti fuori dal piano assunzionale.

Abbiamo chiesto di chiarire che succede per chi dovesse essere impossibilitato a prendere servizio perché assente il primo giorno di lavoro (il 2 gennaio 2018 per i precari stabilizzati), la risposta non è stata chiara, anche se è stato garantito l’impegno a cercare di risolvere le situazioni di oggettiva difficoltà (malattia, infortunio...). Non possiamo fare altro che chiedere al personale di continuare a segnalare tutti i singoli problemi (assenze prima del 31 dicembre, assenze il 2 gennaio 2018, ecc.) alla DCRU e in particolare agli uffici preposti al reclutamento (RCD).

Le graduatorie dei passaggi di livello (art. 54), che si intersecheranno presumibilmente in alcuni casi con le chiamate dai concorsi di III livello, dovrebbero uscire dopo l'assunzione degli idonei.

Abbiamo inoltre chiesto di pubblicare anche prima del passaggio in Consiglio il comunicato di chiarimento sulle questioni già segnalate: telelavoro, part time, ferie, ecc.

La FLC CGIL ha ripetutamente chiesto di pubblicare una comunicazione ufficiale con un aggiornamento della situazione delle assunzioni sulla Intranet. Non è chiaro se e quando accadrà. 

E’ evidente che se da una parte registriamo un rinnovato impegno dell’amministrazione sul piano assunzionale, occorrerà monitorare passo passo i vari atti che si concentreranno in pochi giorni, aumentando il rischio di passi falsi e problemi per singoli dipendenti.

Altre notizie da:

I nostri rappresentanti

Ora e sempre esperienza!
Elezioni RSU 2018: candidati con noi

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

Altre notizie da flcgil.it

Seguici su twitter