FLC CGIL
Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

http://www.flcgil.it/@3875911
Home » Enti » ISTAT » Notizie » 20 ottobre, giornata mondiale della statistica: che c'entrano Brunetta e Gelmini?

20 ottobre, giornata mondiale della statistica: che c'entrano Brunetta e Gelmini?

La giornata mondiale della statistica si svolge nonostante Brunetta e Gelmini e non grazie a loro

20/10/2010
Decrease text size Increase  text size

In occasione della prima "Giornata Mondiale della Statistica" l'Istituto nazionale di statistica ha organizzato un evento ad inviti nell'aula magna dell'ente, a via Cesare Balbo, alla presenza del Ministro della funzione pubblica Renato Brunetta e del Ministro dell'Istruzione, Università e RIcerca Mariastella Gelmini.

Questi Ministri sono quelli che più degli altri rappresentano la politica di tagli ai salari pubblici e di aggressione al mondo della ricerca e del sapere.

La situazione di crisi del sistema della conoscenza in Italia, che sarà ferocemente aggravata nel prossimo triennio dal blocco degli stipendi e delle carriere conseguente alla manovra economica (Legge 122/10), è la conseguenza diretta delle politiche subite dai settori della conoscenza, scuola, università e ricerca, dal governo in carica. Altri paesi, pur tagliando la spesa pubblica, hanno investito proprio in questi settori come misura anticrisi. Il governo italiano, con in testa i due ministri che avranno la spudoratezza di presentarsi all'Istat il 20 ottobre, ha invece preso di mira proprio la scuola, l'università e la ricerca.

Le università sono in agitazione da mesi, le scuole cadono a pezzi e i precari perdono il lavoro a decine di migliaia, vari enti di ricerca sono soppressi in quanto "inutili" e, agli altri, con la modifica degli statuti e con il blocco della contrattazione, si vuole far cambiare volto e funzione.

Mentre lo stop in parlamento del ddl Gelmini apre prospettive di rilancio per i ricercatori, gli studenti gli insegnati precari da mesi in mobilitazione, è oggi lecito chiedersi, per quale motivo bisognerebbe festeggiare il ruolo della statistica ufficiale insieme ai principali responsabili dello sfascio del sapere e della ricerca pubblica?

La verità è che la giornata mondiale della statistica si svolge in Italia nonostante Brunetta e Gelmini e non grazie a loro. La statistica pubblica che il 20 ottobre festeggia se stessa e il proprio ruolo a livello mondiale rappresenta chi ogni giorno per fare ricerca si fa carico di difendere il proprio lavoro, difendendo autonomia e indipendenza, perché crede nel valore pubblico della propria funzione sociale.

Non c'è nessun Governo da "premiare" o da legittimare nel giorno della statistica pubblica. Non certo un Governo come quello attuale, che ha in odio i dipendenti pubblici e mette al centro della propria agenda lo smantellamento della Scuola, dell'Università e della Ricerca pubblica, che sono il futuro del Paese.

Altre notizie da:

I nostri rappresentanti

Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

Altre notizie da flcgil.it

Seguici su twitter