FLC CGIL
http://www.flcgil.it/@3819223
Home » Enti » ISTAT » Contrattazione » ISTAT: riparte la contrattazione integrativa

ISTAT: riparte la contrattazione integrativa

Si è tenuta ieri dopo ripetute sollecitazioni da parte di queste OO.SS. la riunione di contrattazione collettiva integrativa.

22/02/2005
Decrease text size Increase  text size

Si è tenuta ieri dopo ripetute sollecitazioni da parte di queste OO.SS. la riunione di contrattazione collettiva integrativa. Si tratta della ripresa delle trattativa, la cui ultima riunione aveva avuto luogo in giugno 2004, per la firma dell’accordo sul salario accessorio e sui criteri per i passaggi di livello e gradone per gli anni 2003 e 2004, nonché per la mobilità fra profili. Da allora oltre 7 mesi di fermo, durante i quali, per gravi responsabilità dell’Amministrazione e della Delegazione Trattante, non solo non si è dato corso alla trattativa sugli altri argomenti posti da queste OO.SS., (orario di lavoro, buoni pasto e art. 37), ma non hanno trovato piena applicazione gli accordi sottoscritti nel 2004, con pesanti ricadute sui lavoratori interessati.

Nel corso della riunione si sono affrontati i seguenti temi:

Trattamento accessorio del personale: il residuo per il 2004 è di circa 400.000 euro, a cui se ne aggiungono 100.000 già accantonati nel 2003 per eventuali conguagli dovuti agli incrementi che si realizzeranno nel prossimo rinnovo contrattuale. Per il 2005 è previsto un incremento ulteriore di 120.000 euro dovuti ai recuperi della RIA del personale cessato nel corso dello scorso anno. In prospettiva quindi, pur mantenendo l’accantonamento di 100.000 per eventuali arretrati contrattuali, si profila un incremento di circa 500.000 euro sullo stanziamento complessivo per il 2005. Queste cifre sono state comunicate oralmente dalla delegazione, al riguardo CGIL CISL e UIL hanno chiesto di fornire una documentazione scritta, con il dettaglio delle spese per il 2004 e degli incrementi previsti per il 2005, al fine di verificare le varie voci di salario accessorio e le economie realizzate. L’obiettivo di queste OO.SS. è quello d’incrementare le voci di salario accessorio fisse e ricorrenti, come l’Indennità di Ente, determinando quanto più possibile risparmi sulle altre voci. È stata chiesta la riduzione dello stanziamento per lo straordinario, la costituzione di una quota di ore di straordinario da destinare alla contrattazione locale (presso gli Uffici Regionali), la verifica delle prestazioni a turno. Le eventuali economie, come sempre,saranno distribuite a tutto il personale.

Art. 37: le OO.SS. hanno chiesto all’Amministrazione di concludere in questa fase anche la questione relativa all’art. 37, che diventa pregiudiziale per l’eventuale firma dell’accordo sul salario accessorio. L’Amministrazione ha comunicato di aver effettuato qualche proiezione sui costi della rideterminazione di detto articolo al personale interessato, circa 80.000 euro annui. E’ stato chiesto un approfondimento tecnico in tempi brevi, per definire le modalità con cui consentire la ricostruzione dell’art. 37 ai lavoratori interessati.

Affari sociali: si registra una diminuzione dello stanziamento complessivo, dovuta alla riduzione del personale in servizio, si passa infatti da 808.800 a 783.000 euro. E’ stata chiesta la verifica di detta diminuzione, tuttavia l’orientamento è di confermare la ripartizione ormai consolidata degli ultimi anni: con una riduzione proporzionale sulle varie voci di spesa, ad esclusione di quella per i libri scolastici e le borse di studio (anche perché le somme assegnate a tali voci, stando all’andamento del 2004, sono state interamente spese). I residui non spesi del 2004, poco più di 50.000 euro (di cui 16.200 provenienti dalla voce dei soggiorni estivi, 38.783 dai sussidi e 783 dagli asili nido e scuola materna), saranno utilizzati ad integrazione dei rimborsi già effettuati per i sussidi e per asilo nido e scuola materna, che, come è noto, sono anticipati per l’80% della somma spettante, salvo conguaglio.

Procedure selettive 2005 per i passaggi di livello e/o gradone: l’Amministrazione, nel proporre a partire dal 2005 la norma a regime dell’alternanza per i passaggi di livello e di gradone, accoglie la proposta fatta da CGIL CISL e UIL d’iniziare l’applicazione dell’alternanza con i passaggi di livello (vista anche la migliorata situazione economica dell’Ente per effetto dell’integrazione di 28 milioni di euro, ottenuta - senza sorprese -grazie anche alla mobilitazione dei lavoratori dell’ISTAT). Tuttavia propone che tale passaggio abbia decorrenza dalla data di ultimazione delle procedure selettive. Le OO.SS., pur condividendo la proposta di partire con i passaggi di livello per il 2005, respingono assolutamente, in maniera netta ed inequivocabile, la possibilità che tale decorrenza possa essere diversa dal 1/1/2005, visto che la data del 1 gennaio di ogni anno, era stata indicata già nelle precedenti applicazioni degli artt. 53 e 54 come dirimente sia per le verifica del possesso dei requisiti richiesti per la partecipazione alle procedure selettive, che per il riconoscimento degli effetti giuridici ed economici delle stesse. Respingiamo quindi la proposta della delegazione, invitandola ad accogliere la richiesta di queste OO.SS..

Orario di lavoro e buoni pasto: CGIL CISL e UIL hanno infine denunciato l’atteggiamento dilatorio con cui la delegazione continua ad affrontare questi argomenti e ne hanno chiesto la calendarizzazione nella prossima riunione di trattativa. La Delegazione trattante ha, in tal senso, rassicurato le OO.SS. che tali argomenti saranno inseriti nell’ordine del giorno della prossima riunione.

In conclusione, CGIL CISL e UIL, hanno ribadito la necessità che, su tutti gli argomenti affrontati, si debba giungere rapidamente e unitariamente ad un accordo di contrattazione integrativa.

Roma, 22/2/2005

- FLC CGIL ISTAT

- CISL FIR ISTAT

- UIL PA-UR ISTAT

Altre notizie da:

I nostri rappresentanti

Elezioni RSU 2018: candidati con noi!
Elezioni RSU 2018: candidati con noi

Servizi e comunicazioni

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

Altre notizie da flcgil.it

Seguici su twitter